Quante volte avrai sentito parlare del “Testo unico in materia di Salute e Sicurezza nei Luoghi di Lavoro”? Tante, forse. Ma hai mai approfondito i suoi contenuti? Conosci i Dispositivi di Protezione Individuale?

 

Lavorare in Quota in Sicurezza

Il cosiddetto “D.lgs. 9 aprile 2008, n. 81” è un complesso di norme emanate dalla Repubblica Italiana, in materia di salute e sicurezza sul lavoro. Lo scorso luglio 2018 il Testo è stato aggiornato e, dopo averne riassorbito i paragrafi che più impattano sul settore del sollevamento e dei lavori in quota, abbiamo pensato di condividerlo in pillole a partire da alcuni punti fondamentali, come gli Articoli di Legge dedicati all’uso dei Dispositivi di Protezione Individuale (noti anche con l’acronimo DPI), di cui ne abbiamo dato cenno in un nostro precedente articolo sul come tutelarsi dai pericoli dei lavori svolti in altezza.


Cosa sono e cosa non sono i DPI 

L’Articolo 74 del Decreto in questione definisce “dispositivo di protezione individuale “ qualsiasi attrezzatura destinata ad essere indossata e tenuta dal lavoratore allo scopo di proteggerlo contro uno o più rischi che costituiscono una minaccia per la sua sicurezza o la salute durante il lavoro, nonché ogni complemento o accessorio destinato a tale scopo.”

L’Allegato VIII del D.Lgs. n. 81/08 I DPI classifica i DPI sulla base delle parti del corpo a cui dovranno assicurare protezione, in particolare parliamo di dispositivi:

  • a protezione di testa, udito, occhi e viso
  • protettivi per le vie respiratorie e per la pelle
  • di protezione delle mani e delle braccia, dei piedi e delle gambe
  • dispositivi che proteggono tronco e addome
  • dispositivi di protezione dell’intero corpo
  • indumenti di protezione

Non costituiscono DPI:

  • gli indumenti di lavoro ordinari e le uniformi non specificamente destinati a proteggere la sicurezza e la salute del lavoratore
  • le attrezzature dei servizi di soccorso e di salvataggio
  • tutte le attrezzature di protezione individuale delle forze armate, delle forze di polizia e del personale del servizio per il mantenimento dell’ordine pubblico
  • attrezzature di protezione individuale proprie dei mezzi di trasporto
  • i materiali sportivi quando utilizzati a fini specificamente sportivi e non per attività lavorative
  • i materiali per l’autodifesa o per la dissuasione
  • gli apparecchi portatili per individuare e segnalare rischi e fattori nocivi

Quando l’uso dei DPI è Obbligatorio?

L’Articolo 75 del Testo Unico stabilisce che “I DPI devono essere impiegati quando i rischi risultano inevitabili o non possono essere sufficientemente ridotti da misure tecniche di prevenzione, da mezzi di protezione collettiva, da misure, metodi o procedimenti di riorganizzazione del lavoro.”

Se il tuo lavoro ti porta a salire su carrelli elevatori o su una piattaforma aerea autocarrata, semovente, cingolata a ragno per operare in quota, è obbligatorio che tu indossi DPI come elmetto di sicurezza, imbracatura, kit anticaduta, guanti e scarpe antinfortunistiche.


Quali i Requisiti dei DPI? Scopriamolo nell’Articolo 76

I DPI devono essere conformi alle norme di cui al decreto legislativo 4 dicembre 1992 n. 475(N)78, e sue successive modificazioni ed inoltre devono:

  • essere adeguati ai rischi da prevenire, senza comportare di per sé un rischio maggiore
  • essere adeguati alle condizioni esistenti sul luogo di lavoro
  • tenere conto delle esigenze ergonomiche o di salute del lavoratore
  • poter essere adattati all’utilizzatore secondo le sue necessità

In caso di rischi multipli che richiedono l’uso simultaneo di più DPI, questi devono essere tra loro compatibili e tali da mantenere, anche nell’uso simultaneo, la propria efficacia nei confronti del rischio e dei rischi corrispondenti.


Il datore di lavoro ha anche lui degli obblighi ai fini della scelta dei DPI

Li elenca l’Articolo 77 del Testo Unico:

  1. effettuare l’analisi e la valutazione dei rischi che non possono essere evitati con altri mezzi
  2. individuare le caratteristiche dei DPI necessarie affinché questi siano adeguati ai rischi di cui alla lettera a), tenendo conto delle eventuali ulteriori fonti di rischio rappresentate dagli stessi DPI
  3. valutare, sulla base delle informazioni e delle norme d’uso fornite dal fabbricante a corredo dei DPI, le caratteristiche dei DPI disponibili sul mercato e le raffronta con quelle individuate al punto 2
  4. aggiornare la scelta ogni qualvolta intervenga una variazione significativa negli elementi di valutazione

Il datore di lavoro, anche sulla base delle norme d’uso fornite dal fabbricante, individua le condizioni in cui un DPI deve essere usato, specie per quanto riguarda la durata dell’uso, in funzione di:

  • entità del rischio
  • frequenza dell’esposizione al rischio
  • caratteristiche del posto di lavoro di ciascun lavoratore
  • prestazioni del DPI 

e fornisce ai lavoratori i DPI conformi ai requisiti previsti dall’articolo 76.

Il datore di lavoro deve inoltre:

  • mantenere in efficienza i DPI e assicurarne le condizioni d’igiene, mediante la manutenzione, le riparazioni e le sostituzioni necessarie e secondo le eventuali indicazioni fornite dal fabbricante
  • provvedere a che i DPI siano utilizzati soltanto per gli usi previsti, salvo casi specifici ed eccezionali, conformemente alle informazioni del fabbricante
  • fornire istruzioni comprensibili per i lavoratori
  • destinare ogni DPI ad un uso personale e, qualora le circostanze richiedano l’uso di uno stesso DPI da parte di più persone, prende misure adeguate affinché tale uso non ponga alcun problema sanitario e igienico ai vari utilizzatori
  • informare preliminarmente il lavoratore dei rischi dai quali il DPI lo protegge
  • rendere disponibile nell’azienda ovvero unità produttiva informazioni adeguate su ogni DPI
  • stabilire le procedure aziendali da seguire, al termine dell’utilizzo, per la riconsegna e il deposito dei DPI
  • assicurare una formazione adeguata e organizza, se necessario, uno specifico addestramento circa l’uso corretto e l’utilizzo pratico dei DPI

    Gli obblighi dei lavoratori previsti dall’Articolo 78

    In ogni caso l’addestramento è indispensabile, ed i lavoratori sono obbligati per Legge a seguire Corsi di Formazione per l’utilizzo non solo dei mezzi e delle attrezzature da lavoro, ma nello specifico proprio per l’utilizzo dei DPI, conformemente all’informazione e alla formazione ricevute e all’addestramento organizzato dal datore di lavoro e svoltosi con il supporto di un’azienda professionale. 

    I lavoratori dovranno provvedere alla cura dei DPI messi a loro disposizione e non sarà possibile modificarli di propria iniziativa. Una volta utilizzati, i DPI dovranno essere riconsegnati nel rispetto delle procedure e, in caso di difetti o inconvenienti rilevati, il lavoratore dovrà segnalarli immediatamente al suo responsabile.


    Il centro di formazione professionale Tecnoeleva

    Prevenire e ridurre il rischio sul lavoro costituisce da sempre parte della mission di Tecnoeleva, che, da azienda responsabile e professionale, abbina all’offerta di noleggio quella formativa, strutturando corsi di addestramento e di aggiornamento teorico-pratici, svolti da un team di esperti in materia antinfortunistica e mirati all’utilizzo in sicurezza dei mezzi con successivo rilascio degli attestati abilitanti a norma di legge che non tutti possono erogare.

    Clicca sull’immagine sottostante e Scopri l’offerta sui Corsi di Formazione e Aggiornamento